Interviste

INTERVISTA A EMANUELE BATTAZZA

  • Nome: Emanuele
  • Cognome: Battazza
  • In arte: Batti
  • Luogo e data di nascita: Lecco – 27/11/00
  • Residenza attuale: Acquate
  • Come e quando è nata la tua passione per la musica rap? Ѐ sempre stato il tuo sogno fare musica?

La mia passione per la musica rap nasce all’età di otto anni quando ho iniziato ad ascoltare, grazie ai cd delle mie sorelle maggiori, questo genere di musica, in particolare Fabri Fibra insieme ai Club Dogo, Nesli e Marracash. Crescendo, ho iniziato a scrivere le prime canzoni prendendo spunto dalle poesie che scrivevo durante il periodo della scuola elementare. Sì, fare musica è sempre stato un mio sogno da quando ero piccolo.

  • Quando senti veramente il bisogno di scrivere? Qual è il messaggio che solitamente passa attraverso le tue canzoni?

Sinceramente non ho un vero e proprio momento in cui mi sento più preposto a scrivere o meno, diciamo che scrivo quando mi viene l’ispirazione che può presentarsi in qualsiasi momento della giornata, che sia a scuola o in giro, alla mattina o alla sera. Per esempio, se sono in giro e all’improvviso mi viene in mente una qualsiasi frase, prendo il cellulare e me la trascrivo in modo da non dimenticarmele. Per quanto riguarda il mio modo di scrivere, devo dire che non ho un messaggio ben preciso da far passare attraverso le mie canzoni in quanto sono un ragazzo che preferisce sensibilizzare su vari argomenti anche se a volte preferisco far risaltare gli aspetti tecnici della scrittura.

  • Quali sono le persone che ti hanno sostenuto in questa tua scelta di fare musica e che hanno sempre creduto in te?

La mia famiglia mi ha sempre sostenuto in questa mia scelta di fare musica e mi ha permesso di prendere lezioni di batteria, che hanno sicuramente fatto crescere questa mia passione per la musica. Oltre alla mia famiglia, sono stati tanti gli amici che hanno creduto nelle mie capacità anche se devo dire che sono stato io per primo a crederci.

  • Cosa rappresentano per te il passato, il presente e il futuro?

Questa è una domanda abbastanza difficile , posso dire semplicemente che il passato riguarda tutte le scelte fatte: giuste e sbagliate, che, in alcuni casi, mi hanno aiutato a crescere sia dal punto di vista artistico che personale. Il presente invece riguarda tutto ciò che vivo e che percepisco intorno a me. Il presente sono i miei amici, la mia famiglia la musica e in generale tutte le persone che mi stanno accanto e che mi vogliono bene. Penso a viverlo giorno per giorno, stando attendo a non fare nessun passo più lungo della gamba. Il futuro è un grande punto di domanda che credo viva in ognuno di noi, penso però anche che ognuno raccoglie ciò che semina. Quindi speriamo in bene.

  • Come ti vedi tra dieci anni?

Faccio fatica a vedermi a distanza di così tanto tempo perché non si sa mai cosa ci riserva la vita. Posso solamente dire che il mio sogno sarebbe quello di vedermi su un palco e sentire il pubblico gridare il mio nome.

 

Alessia

Hits: 168